Beestrò @ Cheese 2017

Pubblicato in Eventi

Cheese, l’appuntamento che Slow Food dedica ai formaggi, festeggia il decimo compleanno: da venerdì 15 a lunedì 18 Bra (Cuneo) sarà invasa da allevatori, casari, affinatori e pastori provenienti da mezzo mondo. Per l’edizione che sposa il tema «Alle sorgenti del latte, per nutrire il pianeta», il paese ospite è la Spagna che sarà presente con una selezione specifica di 20 formaggi e vini da abbinare.

Taglio del nastro alle 10,30 con il ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina, il presidente della Regione Sergio Chiamparino, il sindaco di Bra Bruna Sibille e Carlo Petrini, presidente di Slow Food. Poi, il mercato, la Gran Sala e l’enoteca saranno i luoghi in cui assaggiare e acquistare i prodotti caseari mentre per stuzzicare il palato con altre proposte gastronomiche ci sono le cucine di strada, le piazze della birra e della pizza e tra le novità di quest’edizione c’è la piazza della Biodiversità che accoglie e presenta selezionati alimenti di montagna. Tutti gli stand aprono tra le 10 e le 11 e chiudono tra le 22 e le 23 (venerdì e e nel weekend, alle 20 lunedì).  

 

Beestrò con il suo staff come per scorsa edizione sarà presente presso la zona Street Food, venite a trovarci!

 

 

Leggi tutto...

Cheese 2015 @Slow Food

Pubblicato in Eventi

 

 

Beestrò dal 18 al 21 Settembre sarà impegnato nella sua prima grande a Bra a "Cheese 2015"!!

     

 

Uno degli eventi enogastronomici che fa parlare il mondo dell'alimentazione, organizzato in partnership tra il Comune e Slow Food. La più importante kermesse internazionale dedicata al settore lattiero-caseario, con spazi di dibattito, degustazione, educazione e un grande mercato con i migliori formaggi del mondo, specie se rari o sconosciuti. 

Inoltre, spazi per degustare i prodotti, momenti di spettacolo, caffé letterari ed un grande mercato dove trovare i prodotti più rari del mondo caseario in arrivo a Bra dai cinque continenti

Torna Cheese – Le forme del latte, evento biennale in programma a Bra (Piemonte) a settembre, organizzato da Slow Food e Città di Bra e giunto alla settima edizione. La manifestazione internazionale è ormai un punto di riferimento per gli artigiani della filiera lattiero-casearia mondiale e per un vasto pubblico di appassionati, grazie alla sua capacità di far conoscere “le mille anime del formaggio”, dagli animali da latte fino al prodotto finito. Perchè ogni formaggio è il risultato di una lunga storia, con le sue identità e specificità.

Cheese si pone proprio l’obiettivo di raccontare queste storie, ma anche e soprattutto di contribuire a mantenerle in vita. Nella sua storia ultradecennale Cheese ha cambiato la percezione del mondo caseario da parte dei consumatori, accendendo i riflettori sulla variegata produzione artigianale: un settore ricco di opportunità ma anche di problematiche e contraddizioni.

Si continua nel 2009, quando la città di Bra, per quattro giorni, si trasforma in un grande laboratorio di idee, dibattiti, degustazioni, attività didattiche e mercato. Una delle battaglie vinte di Cheese è quella che ha riabilitato il latte crudo nella percezione dei consumatori, affermandolo come elemento imprescindibile di radicamento territoriale e di qualità organolettica nei formaggi (una campagna portata avanti sin dalla prima edizione, nel 1997). Oggi l’impegno continua, per far capire che il latte non è una commodity sempre uguale, ma che esistono tanti latti diversi, a seconda delle razze animali, di come vengono alimentate, dell’ambiente in cui vivono, dei ritmi produttivi a cui sono sottoposte: presupposti importanti che influiscono sulla qualità finale, di cui il consumatore può diventare protagonista con le sue scelte.

Di notevole attualità sono le problematiche legate alla presenza di ogm nei mangimi. Non tutti sanno che attualmente il 90% degli organismi geneticamente modificati importati in Europa è destinato proprio ai mangimi. Vale a dire che ogni anno entrano nella nostra catena alimentare 20 milioni di tonnellate di ogm, senza che il consumatore ne sia informato né possa scegliere. Anche i metodi di allevamento vanno capiti per la loro importanza nei confronti del risultato finale, in particolare l’alpeggio, la pastorizia nei parchi e la transumanza. Saranno organizzate varie tavole rotonde per discutere di questo che sarà l'argomento principe della edizione di Cheese.

I Chioschi di degustazione e le Cucine di strada

Ricette tradizionali e ottimi spuntini in piazza XX Settembre e nel cortile delle Scuole Maschili.

Per assaporare la cucina di diversi territori italiani, comodamente seduti, il luogo giusto è quello dei Chioschi di degustazione, mentre le Cucine di strada sono tappa obbligata per chi vuole provare spuntini veloci che rispettano però la tradizione culinaria come gli arancini siciliani o la focaccia al formaggio di Recco


Sito della Manifestazione: http://www.cheese.slowfood.it

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS